Durante il XX Congresso regionale dei Consulenti del lavoro, tenutosi il 25 maggio nella sala Free Beach a Costa Rei si è parlato di “Misure concrete per contrastare la disoccupazione“.

Il presidente Francesco Pigliaru ha annunciato che priorità della Regione è combattere la disoccupazione giovanile ed incentivare gli stessi a non abbandonare la propria terra. Perciò, ha annunciato, saranno messi a disposizione 12.000 euro per ogni assunzione che avvenga nel 2018.

“Viviamo una fase di transizione in cui l’incalzare di globalizzazione e tecnologia cambiano lo scenario facendo scomparire vecchi lavori e creandone di nuovi ma con molta più lentezza (…) E ha ragione monsignor Becciu a dire che la disoccupazione giovanile è il maggior rischio della Sardegna, una situazione in cui è più che mai dovere della politica anticipare il futuro. Nella gestione di questo passaggio, in cui insieme ai giovani dobbiamo pensare a quanti, meno giovani, si trovano nella condizione di doversi reinventare in un mercato particolarmente difficile, abbiamo investito le energie e le risorse necessarie per costruire il ponte tra vecchio e nuovo mondo. Gli strumenti li abbiamo ideati, finanziati e resi operativi – dagli incentivi di LavoRas fino a Talent Up per la creazione di imprenditori. Ora il passaggio essenziale è informare e incoraggiare le imprese e per questo è così importante condividere con voi, oggi, l’urgenza e il senso di una responsabilità, di un’opportunità che collettivamente dobbiamo cogliere. È essenziale impegnarci insieme, perché insieme possiamo creare 8000 nuovi posti di lavoro, insieme possiamo aiutare la Sardegna ad uscire dalla crisi.” 

Le misure attualmente attive sono dunque i piani LavoRas e il progetto Talent Up.

Per quanto riguarda il primo, LavoRas è il piano per il lavoro istituito dalla Regione Sardegna e pensato per creare le migliori condizioni per nuove assunzioni, con una dotazione finanziaria di 128 milioni di euro per il 2018 – di cui 43,1 milioni di euro sono destinati all’occupazione e ad assegni formativi, 18,3 milioni ad interventi specifici e 4,8 milioni per rimodulazioni – e il cui pacchetto di politiche attive è stato suddiviso in due linee di attività: 

  1. un piano di incentivi alle assunzioni con a disposizione 34 milioni di euro: di cui 22 milioni sono destinati ai giovani (in particolare ai disoccupati fino ai 35 anni), 10 milioni sono destinati agli over 35 e 2 milioni ai disabili. L’incentivo regionale consiste in un finanziamento di 4.000 euro l’anno per ciascun nuovo assunto, destinati alle imprese aventi almeno una sede in Sardegna. Il 25% degli incentivi alle assunzioni andrà a favore delle imprese che assumono  un giovane in seguito ad un tirocinio.
  2. un programma di assegni formativi, che può contare su uno stanziamento di 9,1 milioni di euro. L’assegno risponde all’esigenza delle aziende di possedere competenze in linea coi cambiamenti che stanno investendo il mondo imprenditoriale e quello del lavoro in primis.

Per saperne di più clicca QUI

Il Bando Talent Up, promosso dal nuovo Programma Enterpreunership and Back e finanziato dal P.O.R. FSE 2014-2020 nell’ambito “Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione” prevede una dotazione finanziaria di euro 350.000 erogati tramite voucher formativi a fondo perduto.

I programmi formativo/pratici sono finalizzati all‘acquisizione di competenze legate alla creazione di impresa, da svolgersi in ambienti particolarmente stimolanti, per poi riportare in Sardegna l’esperienza acquisita e avere la possibilità di realizzare la propria idea di impresa.

Sono dunque rivolti a giovani laureati e studenti iscritti ai percorsi universitari, con un’idea imprenditoriale innovativa. 

Per consentire la copertura dei costi derivanti dalla partecipazione alla formazione all’estero del programma è prevista per ogni partecipante l’erogazione di un voucher per una somma forfetaria massima di:

  • €7.000,00 nel caso in cui la fase A si svolga in Nord America o in Australia 
  • €4.800,00 nel caso in cui la fase A si svolga in Europa 
  • €4.000,00 nel caso in cui la fase A si svolga in Asia o Vicino Oriente

Per saperne di più clicca QUI

Share This