Dal 7 Novembre 2017 è aperto lo sportello di Italia Economia Sociale, il nuovo incentivo da 223 milioni di euro stanziato dal Ministero per lo Sviluppo economico dedicato alla nascita e allo sviluppo delle imprese che operano nel mondo del No Profit.

Destinatari delle agevolazioni, su tutto il territorio nazionale, sono:

  • le imprese sociali di cui al decreto legislativo n. 112/2017 (ex D.Lgs n. 155/2006) e ss.mm.ii. costituite in forma di società;

  • le cooperative sociali di cui alla legge n. 381/1991 e ss.mm.ii. e relativi consorzi, che con D.Lgs 112/2017 hanno acquisito di diritto la qualifica di imprese sociali;

  • le società cooperative aventi qualifica di ONLUS ai sensi del decreto legislativo n. 460/1997 e ss.mm.ii.

Sono previsti finanziamenti agevolati per programmi d’investimento in qualunque settore, coerenti con le finalità istituzionali di utilità sociale, e compresi tra i 200 mila e i 10 milioni di euro.

Il finanziamento, al tasso agevolato di 0,5%, ha una durata non superiore a 15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento massimo di 4 anni.

CRITERI DI AMMISSIBILITA’

Per poter accedere al finanziamento è necessario per le imprese aver ricevuto una valutazione positiva da parte di una banca finanziatrice selezionata tra le banche aderenti alla Convenzione MISE – ABI – CDP del 20 luglio 2017.

Il finanziamento agevolato e il finanziamento bancario, regolati in modo unitario da un unico contratto gestito dalla banca, copre fino all’80% delle spese ammissibili.

MODALITA’ E PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La domanda di agevolazione deve essere inviata esclusivamente online utilizzando la modulistica disponibile nella sezione “Imprese sociali” del sito del Ministero dello Sviluppo economico ed inoltata via PEC all’indirizzo es.imprese@pec.mise.gov.it, a partire dalle ore 10.00 del 7 novembre 2017. Inoltre devono essere allegati alla domanda:

  • la delibera di finanziamento attestante la capacità economico-finanziaria dell’impresa

  • l’allegato tecnico relativo all’impatto socio-ambientale dell’iniziativa (a cura della banca finanziatrice)

  • il piano progettuale

Il Ministero si avvale della collaborazione di Invitalia per gli adempimenti tecnici e amministrativi relativi alla gestione della misura.

Per scaricare tutta la documentazione CLICCA QUI  

Share This