L’Inail – Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro – con il Bando Isi 2017 destina 250 milioni di euro a favore di imprese di qualsiasi dimensione per la realizzazione di interventi in materia di salute e tutela sui luoghi di lavoro.

La dotazione finanziaria per la Sardegna è pari a euro 6.349.474.

Sono previsti 5 assi di finanziamento:

  1. progetti di investimento e modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  2. movimentazione manuale dei carichi (MMC);
  3. bonifica dei materiali contenenti amianto;
  4. micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività;
  5. 5.1 agricoltura e 5.2 Giovani agricoltori.

I finanziamenti non sono accessibili ad ogni tipo di impresa, ma ogni asse individua una tipologia di destinatari definita.

I soggetti destinatari sono le imprese, anche individuali, ubicate in tutto il territorio nazionale  e iscritte alla Camera di Commercio, e, per l’asse 2 di finanziamento, anche gli Enti del terzo settore.

Gli obiettivi sono stati così espressi:

  • incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori;
  • incentivare le micro e le piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria, dei prodotti agricoli, per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative, per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, ridurre il livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali, ciò al fine di soddisfare l’obiettivo del miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali dell’azienda agricola mediante una riduzione dei costi di produzione o il miglioramento e la riconversione della produzione assicurando, al contempo, un miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.

Il finanziamento, in conto capitale, è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’IVA come di seguito riportato.

Per gli Assi 1,2,3 e 4 nella misura del 65% e con i seguenti limiti:

  • Assi 1,2,3, massimo erogabile 130.000,00 euro, con finanziamento minimo ammissibile pari a 5.000,00 euro. Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di finanziamento;
  • Asse 4, massimo erogabile 50.000 euro, con finanziamento minimo ammissibile pari a 2.000 euro;

Rispetto all’Asse 5, la percentuale di contributo è pari al 40% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole) e al 50% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori). Il massimo erogabile è pari a 60.000 euro, con finanziato minimo ammissibile di 1.000 euro.

Nel caso di importi finanziabili inferiori a 30.000 euro non sarà possibile richiedere l’anticipazione.

La domanda dovrà essere presentata entro le ore 18 del 31 maggio 2018, esclusivamente in modalità telematica, attraverso l’apposito form messo a disposizione sul sito dell’INAIL nella sezione Servizi online’ inserendo i dati dell’impresa e del progetto che si intende realizzare. 

Il punteggio di ammissibilità è pari a 120 punti.

I fondi sono assegnati secondo l’ordine di presentazione e fino ad esaurimento delle domande.

Entro 30 giorni dalla richiesta, dovrà essere presentata la documentazione richiesta dal bando.

Dalla comunicazione di ammissione l’impresa avrà a disposizione 12 mesi di tempo, prorogabili a 6 mesi, per terminare il progetto.

Per approfondire clicca QUI

Share This