A chi è rivolto il contributo

Il finanziamento è destinato alle cooperative sociali di tipo B, iscritte da almeno due anni, a far data dal giorno di apertura delle domande, nell’apposita sezione dell’Albo regionale, tenuto dal Servizio Politiche per l’impresa dell’Assessorato regionale del Lavoro.

Il finanziamento ha ad oggetto il rimborso delle retribuzioni erogate dalla Cooperativa sociale a ciascun socio lavoratore nella misura del 50 per cento della retribuzione lorda prevista dal contratto collettivo nazionale di categoria, oppure nella misura dell’80 per cento per ciascun socio appartenente alle categorie di persone svantaggiate di cui all’articolo 4 della legge n. 381 del 1991, il cui elenco è precisato all’art. 24 della L.r. n. 16 del 22.04.1997.

Il contributo copre un massimo di 24 mensilità corrisposte (è dunque a rimborso) nell’arco dei 24 mesi antecedenti la data di inoltro della richiesta e non è cumulabile, nello stesso periodo, con analoghi contributi previsti da altre leggi nazionali e regionali.

Inoltre, il socio lavoratore deve essere ancora alle dipendenze della cooperativa alla data di presentazione della domanda, ad eccezione della ipotesi in cui svolga attività di tipo stagionale. Si precisa che la nozione di retribuzione è limitata alla “retribuzione ordinaria” con esclusione di altri oneri (tredicesima, quattordicesima, straordinario, gratifica natalizia, ferie, festività, etc…).

Al fine di incentivare le assunzioni a tempo indeterminato e quelle dei lavoratori “svantaggiati”, il massimale disponibile sarà erogato solamente alle cooperative sociali che presentino richiesta di contributo esclusivamente per lavoratori a tempo indeterminato e svantaggiati.

 

A quanto ammonta il contributo: il massimale di contribuzione

Ogni cooperativa sociale può chiedere fino ad un massimo di € 65.000 nella propria domanda di partecipazione. Eventuali cifre ulteriori verranno ridotte d’ufficio entro tale limite, scartando, a ritroso, le retribuzioni più recenti.

Fino a € 25.000 di contributo per i rapporti di lavoro a tempo determinato.

 

Come partecipare: la procedura 

La nuova procedura si articola in tre fasi e si fonda sulle dichiarazioni sostitutive, sottoposte a successivo controllo a campione e mirato.

Le nuove fasi sono:

  • FASE I: domanda di partecipazione, contenente tutti gli elementi richiesti sotto forma di dichiarazioni sostitutive ed autocertificazioni, da inviarsi unitamente a copia dei documenti d’identità ed alla dichiarazione sostitutiva per la concessione di aiuti in «de minimis» nonché al foglio di calcolo elettronico debitamente compilato;
  • FASE II: istruttoria della documentazione da parte del Servizio e sua conclusione, mediante determinazione di approvazione delle ammissioni ed esclusioni dal contributo e, infine, determinazione di concessione, con impegno di spesa e successiva determinazione di liquidazione e pagamento a favore delle cooperative non sottoposte a controllo;
  • FASE III: controllo a campione e mirato per le cooperative risultate in posizione utile in graduatoria e, infine, determinazione di concessione, con impegno di spesa e successiva determinazione di liquidazione e pagamento a favore delle cooperative sottoposte a controllo e verificate con esito positivo.

 

La fasi descritte in modo visivo (vedi il bando)

 

I termini

Le domanda di partecipazione con i relativi allegati dovranno essere trasmesse a partire dalle ore 10 del 13 maggio 2019 e fino alle ore 24 del 17 maggio 2019.

La domanda di partecipazione dovrà essere predisposta e sottoscritta dal legale rappresentante della cooperativa sociale, utilizzando, esclusivamente e a pena di inammissibilità, lo schema in formato .doc (di cui all’allegato 1, cfr il bando) del presente Disciplinare, scaricabile dal sito istituzionale della Regione: http://www.regione.sardegna.it/regione/assessorati/lavoro/ nella sezione Bandi e Gare e
nella sezione “procedimenti e modulistica”.

La domanda dovrà essere poi scannerizzata e inviata in allegato via PEC, unitamente al documento di identità del legale rappresentante nonché alla dichiarazione sugli aiuti di stato, esclusivamente via PEC (NB: a pena di inammissibilità della domanda) a: lavoro@pec.regione.sardegna.it

La PEC dovrà avere il seguente oggetto: “nomecooperativasociale domanda di partecipazione l.r. 16/97 – annualità 2019”. In caso di sottoscrizione della domanda mediante firma digitale (e della dichiarazione de minimis), non sarà necessario allegare il documento d’identità del legale rappresentante. Alla domanda dovrà essere necessariamente allegato anche il foglio di calcolo elettronico scaricabile dal sito (allegato 3) in cui dovranno essere riportati in modo speculare i dati dei soci lavoratori inseriti nelll’allegato 1.

 

I riferimenti 

La pagina ufficiale del bando: http://www.regione.sardegna.it/j/v/2599?s=1&v=9&c=88&c1=88&id=78816

Il bando in pdf: clicca qui.

Allegato 1: clicca qui.

Share This