La Fondazione di Sardegna ha pubblicato sul proprio sito web i Bandi Annuali 2020 relativi ai settori:

–    Arte, Attività e Beni Culturali (stanziati € 1.620.0000)

–    Salute Pubblica, Medicina Preventiva e Riabilitativa (stanziati € 630.000)

–    Volontariato, Filantropia e Beneficenza (stanziati € 849.000)

–    Sviluppo Locale e Edilizia Popolare Locale (stanziati € 1.020.000)

I Bandi sono rivolti ai soggetti pubblici e privati senza scopo di lucro, così come individuati nel Regolamento delle Attività Istituzionali. I progetti e le proposte possono essere presentati entro il 26 novembre 2019 secondo le modalità indicate attraverso il sistema ROL, disponibile sul sito.

Coerentemente con la propria missione istituzionale, la Fondazione conferma anche per il 2020 la dimensione del proprio impegno finalizzato a contribuire allo sviluppo della Sardegna attraverso un sostegno concreto alle iniziative culturali e sociali di maggiore interesse dei territori dell’isola. Per il 2020 il totale delle erogazioni ammonta a complessivi 18 milioni di euro, in crescita rispetto agli anni precedenti, di cui più di 10,8 milioni tramite il meccanismo dei bandi (compresi quelli realizzati con le Università e con il mondo della Scuola e il rifinanziamento dei bandi pluriennali avviati nello scorso anno).

La Fondazione ha inoltre recentemente approvato il proprio piano pluriennale che prevede per il triennio 2020 – 2022 un impegno erogativo complessivo pari a 60 milioni di euro. In linea con gli anni precedenti la Fondazione si impegna a pubblicare gli elenchi dei beneficiari entro il 31 gennaio 2020, al fine di consentire a questi il rapido avvio dei progetti.

 

Modalità di presentazione

Le richieste di contributo, corredate dalla documentazione necessaria, devono essere presentate esclusivamente mediante la compilazione dell’apposita modulistica informatica (ROL) resa disponibile sul sito web della Fondazione dal 22 ottobre al 26 novembre 2019. Per quanto concerne la sottoscrizione delle richieste, il sistema, a compilazione completata, produrrà un documento che dovrà, pena l’esclusione, essere stampato, sottoscritto, scansionato e inviato via email all’indirizzo: bandi@fondazionedisardegna.it , oppure stampato, sottoscritto e inviato in originale, mediante raccomandata a: Fondazione di Sardegna, Via Carlo Alberto 7, 07100 Sassari, entro il 27 novembre 2019.

L’avvenuto ricevimento dell’email verrà confermato da apposita email della Fondazione; in caso di raccomandata farà fede la data del timbro postale.

Chi può presentare domanda

Possono proporre iniziative riferite al presente Bando:

  1. a) i soggetti pubblici o privati senza scopo di lucro formalmente costituiti, nonché le imprese strumentali, costituite ai sensi dell’art. 1, comma 1, lett. h) del d.lgs. 17 maggio 1999, n. 153, che promuovono lo sviluppo economico o perseguono scopi di utilità sociale, per iniziative o progetti riconducibili ad uno dei settori di intervento;
  2. b) le cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991 n. 381;
  3. c) le imprese sociali di cui al d.lgs. 24 marzo 2006 n.155;
  4. d) le cooperative che operano nel settore dello spettacolo, dell’informazione e del tempo libero.

È necessario che tali soggetti:

– siano organizzati e formalmente costituiti per atto pubblico o registrato o per scrittura privata autenticata;

– operino stabilmente nel settore e comprovino le loro competenze, esperienze e professionalità al fine di garantire la realizzazione e la sostenibilità dei progetti.

Condizioni di inammissibilità

Sono considerate inammissibili le richieste:

– di natura commerciale, lucrativa e che producano una distribuzione di profitti;

– provenienti da persone fisiche;

– provenienti da soggetti che non si riconoscano nei valori della Fondazione o con finalità incompatibili con quelle dalla stessa perseguite;

– provenienti da imprese di qualsiasi natura;

– provenienti da partiti e movimenti politici, da organizzazioni sindacali o di patronato e di categoria, da ordini professionali;

– per i soggetti che operano nel terzo settore, non sono ammesse le iniziative che siano state agevolate da un centro servizi.

Pena l’inammissibilità, i progetti e i preventivi economici relativi alle richieste dovranno essere congrui e coerenti in riferimento alla capacità e alle competenze del proponente. Non possono essere richiesti, pena esclusione, contributi per sanare disavanzi pregressi del soggetto proponente.

Per approfondimenti si rimanda al sito:

https://www.fondazionedisardegna.it/contributi/bandi