Negli ultimi anni il concetto di innovazione sociale si è imposto come tema centrale all’interno del dibattito comunitario tanto da essere citato, nell’ambito della più ampia strategia Europa 2020, quale strumento per far fronte alle criticità economiche e sociali e perseguire una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

In linea con l’approccio comunitario, la Regione Sardegna ha scelto la prospettiva della social innovation per promuovere processi di rivitalizzazione in aree colpite da situazioni di impoverimento del tessuto socio-economico attraverso il supporto di iniziative a scala locale capaci di generare impatti positivi dal punto di vista sociale, culturale, economico e del welfare locale. In tale quadro e secondo un consolidato approccio metodologico, si identifica la necessità/opportunità di attivare una prima fase di sperimentazione di nuove idee/progetti (riguardanti prodotti, servizi e modelli) che rispondano a esigenze sociali, creino nuovi rapporti o collaborazioni comuni e forniscano un beneficio alla società promuovendone la capacità di agire. 

Con il presente Avviso, la Regione intende finanziare una serie di “progetti pilota” consistenti nella realizzazione di interventi caratterizzati da un elevato impatto sociale e finalizzati ad un potenziamento della forza lavoro, occupata e non, ad una riduzione dell’esclusione sociale, ad una riduzione del fallimento formativo precoce nonché ad un accrescimento dell’occupazione giovanile.

Il programma individua tre Assi Prioritari:

Asse prioritario 1 – Occupazione: Obiettivo specifico 8.1 “Aumentare l’occupazione dei giovani”- Azione 8.1.1 “Misure di politica attiva” | Obiettivo specifico 8.7 “Migliorare l’efficacia e la qualità dei servizi al lavoro”- Azione 8.7.1 “Azioni di consolidamento e applicazione dei LEP”

Asse prioritario 2 – Inclusione sociale e lotta alla povertà: Obiettivo specifico 9.2 “Incremento dell’occupabilità e della partecipazione al mercato del lavoro” – Azione 9.2.2 “Interventi di presa in carico multi professionale finalizzati all’inclusione lavorativa di persone maggiormente vulnerabili e a rischio di discriminazione”

Asse prioritario 3 – Istruzione e formazione: Obiettivo specifico 10.1 “Riduzione del fallimento formativo precoce e della dispersione scolastica” – Azione 10.1.5 “Stage e alternanza scuola-lavoro” | Obiettivo specifico 10.4 – “Accrescimento delle competenze della forza lavoro” – Azione 10.4.7 – “Tirocini e iniziative di mobilità”

Sono destinatari dei progetti finanziati con il presente Avviso:

  • i giovani disoccupati fino a 35 anni
  • i soggetti svantaggiati ai sensi dell’art. 4 della Legge n. 381/1991 e successive modificazioni, persone disabili ai sensi dell’art. 3 comma 1 della Legge 5 febbraio 1992 n. 104, altri soggetti vulnerabili e a rischio di discriminazione che sono presi in carico dai servizi sociali
  • i disoccupati compresi i disoccupati di lunga durata
  • i lavoratori percettori di ammortizzatori sociali
  • gli studenti
  • i giovani che abbandonano prematuramente gli studi
  • gli over 45
  • i lavoratori autonomi
  • gli occupati compresi i lavoratori con bassa scolarità
  • gli operatori del sistema dei servizi per l’impiego
  • i funzionari e dirigenti pubblici che si occupino di politiche attive per il lavoro.

L’Avviso attua il principio di promozione della parità tra uomini e donne e di non discriminazione, a tal fine il soggetto attuatore dovrà garantire che almeno il 38% dei destinatari selezionati siano donne.

I beneficiari, ovvero coloro che possono presentare domanda di partecipazione per la realizzazione di proposte progettuali sono:

  • le imprese;
  • le organizzazioni del Terzo Settore come definite dalla L. 106/2016 e dal D.Lgs 117/2017;
  • i soggetti pubblici e privati che operano nel recupero socio-lavorativo di soggetti svantaggiati;
  • i soggetti accreditati per i servizi al lavoro;
  • le agenzie formative accreditate;
  • le autonomie scolastiche e le scuole paritarie;
  • i soggetti – pubblici e privati – che erogano servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro;
  • le Associazioni Temporanee d’Impresa o di Scopo (già costituite o che intendono costituirsi).

Le risorse finanziarie complessivamente disponibili ammontano a euro 5.050.000,00 a valere sul POR FSE 2014-2020.

La proposta di ciascun progetto dovrà avere un valore massimo di 45.000 euro.

Le attività dovranno essere realizzate nell’arco temporale massimo di 18 mesi.

La Regione procederà alla concessione dei finanziamenti mediante una procedura a sportello.

Il Dossier di Candidatura Telematico (DCT), con gli allegati richiesti, deve essere inoltrato esclusivamente per via telematica tramite il SIL, dalle ore 10.00 del 07.08.2018 alle ore 12:00 del 26.10.2018 – farà fede la data e l’ora di invio telematico rilasciato dal SIL Sardegna.

Per scaricare l’Avviso clicca QUI

Per approfondire visita la Sezione dedicata

Share This